Cerca
Filters
Close

Carenza di vitamina D aumenta il rischio di malattie cardiache

Una nuova ricerca dall'Università di Copenaghen la Copenhagen University Hospital dimostra che bassi livelli di  vitamina D sono associati ad un rischio nettamente maggiore di infarto e morte precoce. Lo studio ha coinvolto più di 10.000 danesi ed è stato pubblicato sulla rivista americana rinomata arteriosclerosi, trombosi e biologia vascolare.

La Carenza di vitamina D è stata collegata tradizionalmente con la salute delle ossa povere. Tuttavia, i risultati di numerosi studi sulla popolazione indicano che un basso livello di questa vitamina importante può essere collegato anche ad un più alto rischio di cardiopatia ischemica, una denominazione che copre l'attacco cardiaco,  arteriosclerosi coronarica e angina. Altri studi mostrano che la carenza di Vitamina D può aumentare la pressione sanguigna, e è ben  noto che la pressione sanguigna alta aumenta il rischio di attacco  cardiaco.

"Ora abbiamo esaminato l'associazione tra un basso  livello di vitamina D e malattie ischemiche del cuore e morte nello studio più  grande mai fatto fino ad oggi. Abbiamo osservato che bassi livelli di vitamina D rispetto ai livelli ottimali sono collegati al 40% più alto rischio di cardiopatia ischemica, il 64% più alto rischio di attacco  cardiaco, il 57% più alto rischio di morte precoce e a non meno di 81% più alto  rischio di morte per malattie cardiache, "dice il Dr. Peter Brøndum-Jacobsen,  dipartimento di biochimica clinica, ospedale dell'Università di  Copenaghen.

Gli scienziati hanno paragonato i 5% più bassi  livelli di vitamina D (meno di 15 nanomol vitamina per litro di siero) con i più  alti livelli del 50% (più di 50 nanomol vitamina per litro di siero).  In Danimarca, è attualmente raccomandato per  avere uno status di vitamina D di almeno 50 nanomol vitamina per litro di  siero.

I maggiori rischi sono visibili, anche dopo  aggiustamento per diversi fattori che possono influenzare il livello di vitamina  D e il rischio di malattia e di morte. Questo è uno dei  metodi che gli scienziati utilizzano per evitare pregiudizi.

Campioni di sangue da più di 10.000  danesi

Lo studio sulla popolazione che costituisce la base per  questa indagine scientifica è il Copenhagen City Heart studio, dove i livelli di  vitamina D sono stati misurati nei campioni di sangue dal 1981 al 1983.  I partecipanti sono stati poi seguiti nei registri nazionali danesi fino ad oggi.

"Con questo tipo di studio sulla popolazione, non siamo in grado di dire nulla di definitivo circa un possibile rapporto di causalità.  Ma possiamo constatare che esiste una forte correlazione statistica tra un basso livello di vitamina D sia ad alto rischio di malattie cardiache e di morte precoce. La spiegazione può essere che un basso livello di vitamina D conduce direttamente al cuore malattia e morte. La spiegazione potrebbe essere che un basso livello di vitamina D porta direttamente a malattie cardiache e morte. Tuttavia, è anche possibile che la carenza di vitamina è un segnale per la cattiva salute in generale ", afferma Børge Nordestgaard, professore clinico presso la Facoltà di Scienze della Salute e Scienze Mediche, Università di Copenhagen e dirigente medico presso Copenhagen University Hospital.

Obiettivo a lungo termine è la  prevenzione

Gli scienziati stanno lavorando per determinare se la  connessione tra un basso livello di vitamina D e il rischio di malattie  cardiache ci sia un vero rapporto di causalità.

La malattia di cuore è la causa più comune di morte degli adulti in  tutto il mondo secondo World Health Organization (WHO), che stima che  almeno 17 milioni di persone muoiono ogni anno per malattie  cardiache.

"Il  modo più semplice e più economico per ottenere abbastanza vitamina D è quello che il sole splenda sulla vostra pelle a intervalli regolari. C'è un sacco di prove che il sole è buono, ma è anche importante  evitare di provocarsi bruciature al sole, che aumenta il rischio di cancro della pelle. La dieta con un buon apporto di vitamina D è anche un bene, ma non è stato dimostrato che la vitamina D come integratore alimentare previene le malattie cardiache e la morte ", dice Børge Nordestgaard.

Lascia un commento