Cerca
Filters
Close

Indoor apparecchiature abbronzanti in primavera può sviluppare vitamina D.

I canadesi non possono ottenere la vitamina D da esposizione al sole naturale nei mesi da ottobre ad aprile. L' associazione Canadian Association Tanning è a conoscenza delle ricerche pubblicate, e le prove aneddotiche, mostra in realtà che prendere il sole indoor può essere una soluzione più efficace per aumentare i livelli di vitamina D. Uno studio condotto dalla Boston University School of Medicine ha scoperto che anche quando si prendono le  400 UI (Raccomandazione media da Health Canada) di vitamina D al giorno i livelli sono destinati a ridursi in deficit. Considerando che i partecipanti che hanno ricevuto l'esposizione UVB da apparecchiature abbronzanti tre volte alla settimana avevano livelli che hanno continuato ad aumentare.

Uno studio europeo del 2012 ha anche mostrato che tre sedute di lettino a settimana è più efficace per aumentare i livelli di vitamina D ad un punto ottimale di un supplemento di 1000 UI al giorno.

Un esperimento personale per la Joint Canadian Tanning Association il direttore esecutivo Steve Gilroy ha preso parte al programma di test * GrassrootsHealth D Azione vitamina D. Come un normale utilizzatore, per il suo primo test di febbraio del 2009, Gilroy aveva un livello sierico di vitamina D di 112 nmol / L, ben all'interno del ottimale D livello sierico di vitamina (100-150 nmol / L) consigliato da GrassrootsHealth.

Ma, per curiosità, Gilroy ha deciso di smettere di abbronzarsi e vedere come il suo livello di vitamina D nel siero è stata influenzata. Ha smesso l' abbronzatura indoor dopo la sua prova di febbraio continuando a prendere un supplemento di 400 UI al giorno. Passegiava ogni mattina e indossava solo la protezione solare necessaria per prevenire le scottature, come quando giocava a golf o era su una barca. Dal suo prossimo test di vitamina D nel mese di agosto, la vitamina D livello sierico di Gilroy era scesa da 112 nmol / L a 62 nmol / L. Anche dopo aver preso il sole estivo spendendo parecchio tempo all'aria aperta, il suo livello di vitamina D è calato quasi della metà.

"Ero interessato a scoprire come la mia abbronzatura indoor stava interessando il mio livello di vitamina D e per vedere dalle autorità sanitarie se erano corrette o meno", ha detto Gilroy. "Ho fatto tutto esattamente come sempre."

Dopo aver ripreso ad abbronzarmi di nuovo dopo quel test, il livello di Gilroy torna a 122 nmol / L durante il test nel mese di aprile 2010. Quindi, per confermare la sua scoperta, Gilroy ha smesso di abbronzarsi nuovamente. Con il suo successivo test a settembre 2010, la vitamina D livello sierico di Gilroy era nuovamente sceso a 70 nmol / L.

Prove aneddotiche di Gilroy sostengono i risultati di diversi studi di ricerca pubblicati - che l'abbronzatura è un modo efficace per mantenere livelli ottimali di vitamina D, soprattutto in primavera.

"Non stiamo dicendo che l'abbronzatura è per tutti", afferma Gilroy. "Ma è certo che utilizzare l'abbronzatura indoor si tratta di una valida opzione per aumentare i livelli di vitamina D, soprattutto in considerazione della mancanza di luce solare che ci troviamo ad affrontare in primavera e inverno."

Il Joint Canadian Tanning Association (JCTA) è una organizzazione non-profit nazionale creato per aumentare la comprensione del settore dell' abbronzatura professionale di posizione scientificamente supportata che con uso moderato l'esposizione ultravioletta da sole o lettino è parte di uno stile di vita responsabile che riconosce sia i vantaggi intrinseci e i rischi gestibili associati all'esposizione della luce ultravioletta.

Fonte della nostizia in lingua originale

http://www.prweb.com/releases/2013/3/prweb10563947.htm

Lascia un commento