Cerca
Filters
Close

Livelli di vitamina D legati al rischio fibroma uterino

Una condizione che interesserà oltre il 70% delle donne durante la loro vita può essere impedito da qualcosa di semplice come la luce del sole.

Uno studio di ricerca dal National Institutes of Health ha scoperto che le donne che avevano abbastanza vitamina D hanni tagliato il loro rischio per i fibromi uterini di quasi un terzo. I fibromi sono tumori che si sviluppano in utero che non sono cancerogene, ma spesso sono causa di dolore e sanguinamento nelle donne in premenopausa. Sono la principale causa di isterectomie negli Stati Uniti.

Lo studio ha esaminato 1.036 donne che erano di età compresa tra 35 e 49 tra e viveva nella zona di Washington DC tra gli anni 1996 e 1999. Donne sono state esaminate per fibromi da ultrasuoni non invasivi e analisi del sangue che sono stati utilizzati per esaminare la forma di vitamina D che si trova in circolazione attraverso il corpo, 25-idrossi D. Ai fini dello studio una concentrazione nel sangue di 20 nanogrammi per millilitro di sangue era considerato 'sufficiente', ma molti esperti concludono che i livelli più elevati sono importanti per un sano stile di vita.

La vitamina D è prodotta dal corpo quando una persona passa il tempo sotto il sole, la luce ultravioletta dalla luce solare interagisce con le sostanze chimiche nella pelle e aiuta l'organismo a produrre più vitamina D. Altre fonti di vitamina D vengono da latte fortificato e vitamine.

I partecipanti allo studio che avevano alti livelli di 25-idrossi D nel sangue avevano minori possibilità di avere prove di fibromi dagli  esami ecografici. Inoltre chiedendo ai partecipanti quanto tempo passano sotto il sole ogni giorno, in media, quelli che siedono più di un'ora al giorno avevano un rischio minore di avere fibromi. L'esposizione al sole per più di un'ora al giorno riduce il rischio di fibromi del 40 per cento.

"Sarebbe meraviglioso se qualcosa di semplice e poco costoso da ottenere qualche raggio di sole naturale sulla loro pelle ogni giorno potrebbe aiutare le donne a ridurre la loro possibilità di ottenere fibromi," ha detto il Dott. Donna Baird, Ph.D., ricercatore presso l'Istituto Nazionale di Environmental Health Sciences (NIEHS), che fa parte del NIH. Dr. Baird sta attualmente conducendo uno studio a Detroit per confermare i risultati da Washington DC

Se qualcosa di semplice come un ora di luce solare al giorno potrebbe ridurre fibromi, e le spese del dolore e medici ad essi associati, allora dovrebbe essere una ricetta facile da completare.

La ricerca pubblicata sulla rivista Epidemiologia può essere trovato qui. (in lingua originale)

Fonte della notizia in lingua originale

http://www.medicaldaily.com/articles/14653/20130415/vitamin-d-levels-uterine-fibroid-risk-tumor.htm

Lascia un commento