Cerca
Filters
Close

RAEE (Rifiuti Apparecchiature Elettroniche ed Elettriche)

DIRETTIVA

Ai sensi dell'art.13 del Decreto Legislativo 25 luglio 2005, Nr. 151/05, che ha introdotto

"l'eco contributo RAEE" recependo alcune derettive comunitarie (2002/95/CE- 2002/96/CE- 2003/180/CE, relative alla riduzione dell'uso di sostanze pericolose nelle apparecchiature elettriche ed elettrnoiche, nonchè allo smaltimento dei rifiuti) in materia di tutela ambientale e sanitaria. Vi comunichiamo che il suddetto contributo viene da noi evidenziato in fattura con voce separata nella misura di € 0,17 + iva per ogni lampada venduta.

INFORMAZIONI AI CONSUMATORI

L'eco contributo RAEE non è una tassa ma è lo strumento economico, concesso dalla Normativa Nazionale ed Europea, per il finanziamento delle attività di raccolta, trattamento e riciclo delle apparecchiatute elettriche ed elettroniche giunte a fine vita. Lo smaltimento differenziato dei RAEE insegue un obiettivo di sostenibilità ambientale e nel ns. settore è finalizzato unicamente e interamente, a finanziare il processo di riciclo delle sorgenti luminose, a partire dal ritiro presso i centri di raccolta fino al recupero e allo smaltimento in appositi impianti di trattamento. Non si genera in questo modo alcun guadagno, né per i produttori né per i distributori. L'adeguata raccolta differenziata e i succevici processi di riciclaggio, trattamento e smaltimento eco-compatibile, contribuiscoo adevitare possibili effetti negativi sull'almbiente e sulla salute e favoriscono il riempiego e/o riciclo dei materiali di cui è composta l'apparecchiature. La protezione dell'ambiente è dovere di tutti i cittadini che devono adoperarsi per ridurre il rischio di inquinamento attraverso l'adozione di comportamenti responsabili. A tal proposito, è bene ricordare che lo smaltimento abusivo del prodotto, da parte dell'utente, comporta l'applicazione delle sanzioni amministrative previste dalla normativa vigente. Per adempiere correttamente alla normativa, FreeSun partecipa ad un "sistema collettivo" che ha il compito di organizzare e gestire il sistema di raccolta dei RAEE. (www.ecolamp.it) Sul sito www.cdcraee.it, alla sezione "COMUNI", è possibile visualizzare la lista dei centri di raccolta per Area Geografica.

COS'E' L'"ECO-CONTRIBUTO RAEE"

Il simbolo del cassonetto barrato riportatosull'apparecchiature o sulla sua confenzione, indica che il prodotto, alla fine della propria vita utile, deve essere raccolto separatamente dagli altri rifiuti. E' fatto quindi obbligo di non smaltire questo prodotto, giunto a fine vita, come rifiuto urbano. Originariamente il decreto prevedeva che: il consumatore, nel momento in cui decideva di privarsi della lampada abbronzante a suo tempo acquistata, si trovava a dover scegliere obbligatoriamente fra due alternative:

1 conferire al rivenditore o al distributore, la lampada abbronzante esaurita (Rifiuto RAEE) nell'ipotesi di acquisto di un apparecchio nuovo dello stesso tipo. L'obbligo valeva solo per un singolo prodotto nel cambio con l'acquisto di u prodotto nuovo dello stesso tipo, non necessariamente della stessa marca;

2 decidere di consegnare la lampada abbronzante presso un centro di smaltimento dei RAEE del Comune di residenza.

Successivamente il decreto ha subito una modifica sostanziale ponendo di fatto in stand-by l'opzione sopra descritta alla posizione 1, (vedi "SPECIFICHE NORMATIVE" posizione B). E' bene sottolineare che, in ogni caso, il consumatore è obbligato a non smaltire in maniera indifferenziata la propria lampada abbronzante, evitando in tal modo possibili conseguenze negative all'ambiente e alla salute delle persone, data la presenza, all'interno delle lampade, di sostanze potenzialmente pericolose. Lo smaltimento abusivo del prodotto da parte dell'utente comporta l'applicazione delle sanzioni amministrative di cui all'articolo 50 e seguenti del D.Lgs n. 22/1997 come modificato dal D.Lgs. 3-4-2006 n. 152, successive modifiche e integrazioni.

CONTRIBUTO VISIBILE (VISIBLE FEE)

La "Direttiva RAEE" sancisce l'obbligo per i distributori di sottoporre il costo sostenuto per la gestione dei rifiuti (€ 0,22 + iva/lampada)(VISIBLE FEE) separatamente dal prezzo del prodotto.
Tale costo, soggetto a variazioni, a far data dal 01 Settembre 2008 verrà ridotto a euro 0,20 + iva/lampada.
Tale costo, soggetto a variazioni, a far data dal 01 Settembre 2009 verrà ridotto a euro 0,17 + iva/lampada

COMUNI - ISOLE ECOLOGICHE

Il Dlgs 151/05 e DM 185/07 sanciscono l'obbligo diretto dei comuni nel merito dell'accettazione (presso le competenti "isole ecologiche") del rifiuto RAEE

SPECIFICHE NORMATIVE

1) Le sorgenti UV (lampade b.p e A.P.) sono classificate della DIRETTIVA RAEE quali rifiuti domestici da conferire da parte dell'utilizzatore (professionale e/o privato) presso i centri di raccolta comunale ( ISOLE ECOLOGICHE).

2) Nei prossimi mesi in riferimento al "Decreto Milleproroghe", gli organi competenti si pronunceranno circa la possibilità di conferire, da parte del consumatore finale, il rifiuto RAEE direttamente al distributore, al momento dell' acquisto di una nuova apparecchiatura equivalente, in ragione del rapporto di uno a uno.
Va precisato che tale possibilità è esclusa fino a quando non verrà emanato lo specifico decreto ministeriale che individua le modalità semplificate per la raccolta ed il trasporto del rifiuto RAEE presso le isole ecologiche da parte dei commercianti, distributori, installatori e centri assistenza

Lascia un commento
Commenti
29/09/2011 23:12
sono in possesso di un solarium voglio eliminarlo come devo fare .
30/09/2011 00:29
Le sorgenti luminose come tubi e lampadine vanno smaltite in isole ecologiche come descritto in questo articolo, attraverso appunto enti competenti nella raccolta di rifiuti speciali pericolosi, la rimanente scocca del solarium può smaltirlo presso rottamai/demolitori o enti di raccolta come ferro,plastica,rame,legno e materiali vari.